Se scegliete di tenere in casa un criceto, ecco alcuni consigli pratici per il benessere di questo animaletto.
il criceto va tenuto in gabbia, e per questo è importante che la gabbia sia grande per permettergli di muoversi agevolmente e svilupparsi in orizzontale  perché i criceti tendono ad arrampicarsi sul soffitto per poi lasciarsi cadere rischiando di farsi molto male, e poi deve essere pratica, per permettere pulizie frequenti e profonde, e rispettare le esigenze dell’animale. E’ importante che non venga posizionata mai al sole diretto  né in luoghi esposti a correnti d’aria poichè si possono avere   conseguenze anche letali (polmoniti acute  , colpi di calore ).
Va messa in un luogo tranquillo, lontano da rumori,  e non in camera da letto perchè il criceto di notte si muove e gioca e fa rmuore.

Ogni tanto fa bene al criceto uscire e farsi una passeggiatina anche se nel nostro salotto, attenzione quindi buchi in cui nascondersi, piante tossiche, cavi elettrici che possono rosicchiare,  scale , possibilmente niente tende su cui arrampicarsi, niente cani o gatti, o gente che possa  schiacciarli inavvertitamente.
Infatti   riescono a infilarsi in spazi minuscoli, anche dietro a mobili e divani.

Nel caso il criceto riesca a fuggire e a nascondersi, per ritrovarlo è fondamentale chiudere tutte le porte fare molta attenzione  e lasciare poi in ogni stanza una ciotolina con del cibo  . Il criceto andrà a mangiare, e voi potrete restringere le ricerche alla stanza in cui mancherà del cibo.

I giochi per il criceto sono molto importanti. Si trovano in commercio la classica ruota, che deve essere  chiusa,  senza spazi vuoti tra le sbarre. Da evitare le ruote in ferro e quelle che sono aperte in entrambi i lati,  pericolosissime per l’animale. Deve essere in plastica, fornita di un perno per fissarla alla parete.

Oltre a questo accessorio, è importante fornirne altri altrettanto utili  per lui come tubi, tunnel, scale, vari piani , tubi di cartone della carta igienica, scatoline di cartone, piccole costruzioni.
Oltre a questo si dovrebbero fornire rametti di legno come salice, acacia, nocciolo, o da frutta, e molti altri, l’importante è che non siano trattati nè contaminati da insetticidi, e che non siano di conifere perchè per loro la resina è tossica. I criceti potranno infatti rosicchiarli e anche così limarsi i denti che per i roditori crescono sempre.

È fondamentale creare un ambiente il più possibile vario all’interno della gabbia per farlo sfogare  e alimentare la sua curiosità e le sue energie. La noia in gabbia infatti  rende i circeti tristi e  da dei tic (come mordere in continuazione le sbarre che è un comportamento tipico dell’animale annoiato e frustrato).
E’ importante anche che nella gabbia ci sia un nido o una casetta chiusa dove l’animaletto creerà anche  la sua dispensa per l’inverno dato che va in letargo.Questa non deve mai essere toccata per evitargli dello stress per ricostruirla.
La lettiera è importante e le lettiere più adatte a loro sono  a base di legno non trattato, come il pellet   e il truciolato  , un tipo di lettiera molto amato dai criceti, perchè caldo e divertente per loro.
Ottimo anche il pellettato di carta riciclata (molto assorbente, non polveroso, ma molto costoso).

La pulizia del pelo del criceto viene effettuata dallo stesso animale quindi non si deve lavare anche perchè rischia di ammalarsi .
Eventualmente per aiutarlo a mantenere il suo pelo lucido consigliamo di fornire  una vaschetta per il bagnetto con uno strato di 1-2 cm di sabbia per cincillà dove potrà rotolarsi   durante la giornata, e alla fine avrà il pelo perfettamente puluito e  in ordine.

Lascia un commento