Le malattie comuni per i pesci rossi

Nonostante possa sembrare che avere un pesce rosso non comporti molte responsabilità, in realtà bisogna sapere che anche questi piccoli animali possono ammalarsi. Ma quali sono le malattie più comuni per i simpatici pesci rossi?

pesce rosso

I pesciolini rossi sono sicuramente uno di quegli animali che tutti, almeno una volta nella propria vita, ha posseduto in casa; sarà perché è stato vinto ad un luna park oppure più semplicemente perché l’avete ricevuto in dono da un amico, ma anche questo può diventare un simpatico amico domestico. Va comunque detto che i pesci rossi possono essere una prova per chi desidera, poi, successivamente prendersi cura di un animale più grande come un cane o gatto; proprio per questo, dunque, bisogna considerare che anche il pesciolino rosso ha bisogno di molte attenzione e che, anche lui, può contrarre delle malattie. Ma quali sono i distrubi più frequenti in queste piccole creature d’acqua dolce?

Tra i primi disturbi che possono attaccare i pesci rossi, vediamo quella della necrosi alle pinne: in questo caso il danno è causato da diversi batteri, ma va anche considerato che a volte la causa può esser trovata anche nell’habitat e nello stress. Questo tipo di problema, che comunque può attaccare anche altre specie di pesci, in particola la si nota con il trasporto e soprattutto quando entra in contatto con piccoli ambienti affollati da diverse specie. La soluzione più ovvia per questa malattia è quella di utilizzare un medicamento a base di ossitetraciclina con dei bagni ripetuti per meno di una settimana.

Altra malattia che affligge i pesci rossi sono i foruncolosi e la malattia branchiale: nel primo caso, proprio come per la necrosi, la colpa è da imputare ad un batterio presente nell’acquario sovrappopolato e privo di pulizia. Nella forma acuta di questa malattia, il pesce rosso può anche morire, mentre che in altri casi è possibile che compaiono dei foruncoli cutanei che si possono trasformare in ascessi. Nel caso della malattia branchiale, invece, un microbatterio colpisce gli acquari più popolati  o con accumuli di deiezioni: così, il pesce non mangia più ed arriva alla morte per asfissia. In questo caso è necessario chiedere informazioni ad uno specialista

Leave a Reply