Tra le novità dell’anno nuovo che riguardano cani e gatti, troviamo la mutua per animali domestici.
In pratica in Italia anche la salute ed il benessere di cani e gatti saranno assicurati. Questa assicurazione andrà a costare  120 euro l’anno e  i proprietari esenti da ticket avranno uno sconto del 50%.  Questo è un sistema di assistenza privata, detto  ‘Dottor Bau & Dottor Miao’, che però è stato lanciato dalla Mias, Mutua italiana assistenza sanitaria  assieme con FareAmbiente, un Movimento ecologista europeo e con EuropAssistance.

Claudio Andrea La Rosa, presidente di Mias, spiega: “Abbiamo dato vita  alla ‘Prima Mutua Sanitaria per Cani e Gatti’, in un segmento sociale che ha bisogno di sostegno, visto che oltre il 55% delle famiglie italiane ha adottato un animale domestico, circa 15 milioni, tra cani e gatti”. “Gli animali sono un ammortizzatore sociale . Si registrano oltre 4,5 miliardi di euro di risparmio nel servizio sanitario” e quindi oggi “adottare un cane o un gatto non deve essere un lusso ma un valore sociale”.

Tra i vari e tanti servizi che offre questa assicurazione si trova ‘Per Sempre’, che  in caso di decesso o ricovero del proprietario, offre rifugio all’animale in una struttura  atrezzata  delle Guardie Ecozoofile del movimento FareAmbiente.
Il servizio denominato invece ‘Sacrificio necessario’ effettua la cremazione dell’animale all’interno di strutture controllate grazie a una società specializzata, la Petico.

L’assistenza sanitaria per cani e gatti va a coprire anche spese di ricerca dell’animale se per caso si dovesse un giorno perdere.

Vincenzo Pepe, il presidente di FareAmbiente, dice: “Questa è un’iniziativa anche contro l’abbandono poiché sostiene le famiglie con cani e gatti nei momenti di difficoltà che sono quelli più a rischio”.

La mutua per cani e gatti vedrà il suo avvio a fine mese. L’adesione  sarà disponibile anche iscrivendosi online sul sito dedicato e attraverso i social dedicati, ma anche nei negozi per animali anche nella grande distribuzione e presso le Guardie Ecozoofile del movimento FareAmbiente.

Lascia un commento