bagnogattiI gatti si sa che non amano l’acqua, ma è proprio vero oppure è un mito da sfatare?
Di certo è vero , ma solo in parte, infatti se un gatto si trova sotto la pioggia correrà subito a nascondersi in qualche luogo protetto ma se cade accidentalmente in acqua sa cavarsela benissimo e nuotare.

Però se si vuole abituare il micio di casa a fare il bagno, bisogna abituralo da cucciolo altrimenti sarà praticamente quasi impossibile lavarlo con l’acqua.
Infatti i gatti per istinto come tutti i felini imparano a lavarsi da soli, leccandosi il pelo più e più volte, in tutti i punti più difficili.

Se invece avete un cucciolo, potete iniziare a fargli il bagnetto periodicamente, ma attenzione, non si tratta di un vero e proprio bagno, bensì di un lavaggio con un panno umido e acqua tiepida, senza bagnare troppo il pelo dell’animale e comunque cercando di rassicurarlo sempre con un tono di voce serena e tranquilla.

E’ meglio inoltre lavare il gatto anche da adulto poi sempre quando è rilassato. Se non gli piace il bagnetto, meglio cominciare a  piccole dosi ogni giorno e  presto si abituerà. Attenzione, essendo molto sensibile il gatto va coccolato molto dopo ogni lavaggio – in modo che lui possa associare la propria pulizia ad un momento bello e speciale.

Se il  gatto ha il pelo lungo, si può usare un pettine per pettinare  il pelo. Si comincia con il mento e la testa e poi si pettinano altre parti.

Se si trovano parti di pelo arruffato si possono tagliare con molta attenzione e sempre utilizzando una forbicina con punte arrotondate.

Se il gatto ha il pelo corto si può pulire con una spazzola o una spugnetta. Ricordarsi di inumidire sempre  la spazzola   in modo da catturare il pelo senza che voli via.
Per lavarlo e fargli un bagno, utilizzare uno shampoo per felini quindi adatto a lui. Anche la temperatura dell’acqua da prendere con la spugnetta e dell’ambiente deve essere confortevole.
meglio usare una piccola bacinella o anche il lavandino.
Non immergerlo mai nell’acqua ma solamente inumidire il pelo, poi passare lo shampoo e poi sciacquare sempre con un panno umido più volte.
Pulire le orecchie ma solo nel padiglione esterno e mai all’interno, e con un cotton fioc inumidito.

Versare lo shampoo nelle  mani e si massaggia  delicatamente il  gatto.
Lo shampoo è adatto per felini e  non irrita gli occhi e le orecchie.
Dopo il risciacquo, asciugarlo con un asciugamano tiepido.

Lascia un commento