Nonostante l’avanzare della tecnologia, ancora oggi vi è molta confusione quando si parla di criceti, giacché non tutti sanno che esistono diverse specie e anche gli stessi negozianti a volte riescono a fare confusiomne. Oggi vogliamo scoprire qualcosa in più sulle specie di questi piccoli animaletti a quattro zampe! Generalmente, i tipi di criceti che si trovano in commercio hanno una taglia medio-piccola e vanno dalla più piccola rappresentata dalla specie Phodopus Roborovskij (criceto roborovskij) fino a quello più grande chiamato scientificamente Mesocricetus Auratus (criceto dorato/sieriano). Ogni singola specie di criceti si presenta con pelo di diversa colorazione. Ad esempio, il criceto dorato ha moltissime varietà di pelo: difatti, troviamo quello a pelo corto ovvero il short hair golden che varia tra il miele-biondo-crema ed ha un colore uniforme.

Sempre a pelo corto, vediamo anche la variertà short hair piebald che ha la pancia bianca e il manto miele, marrone, nero o grigio; anche lo short hair black si presenta con il pelo corto ed è tutto nero con il musetto bianco, anche se però va detto che è difficile da trovare in Italia. Le varietà a pelo lungo, invece, sono  il long hair black eyed cream, il long hair banded, il long hair tortoiseshell, il long hair cinnamon satin e l’hairless syrian hamster.

Per la specie del criceto winter white troviamo solo tre varietà ovvero il winter white standand che si presenta con sfumature grigie, marroni, nere e pancia bianca, il winter white sapphire e il winter white pearl. Per la specie del criceto Campbell vediamo variatà a pelo normale, argente, black, platinum, argente platinum, blue, normal mottled, argente mottled, blue mottled, albina, black eyed white. Il criceto Robovovskij, invece, ha sei varietà conosciute, ma ne esistono molte altre.

Lascia un commento